Fotografia e Viaggi

Contattateci

Pointblank Str. 14, 54321, California

  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • © Carlo Pinasco
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Luca Patelli x Fotografia e Viaggi
  • Luca Patelli x Fotografia e Viaggi
  • Luca Patelli x Fotografia e Viaggi
  • Luca Patelli x Fotografia e Viaggi
  • Luca Patelli x Fotografia e Viaggi
  • Luca Patelli x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi
  • Carlo Pinasco x Fotografia e Viaggi

Nuova Zelanda

Viaggio fotografico nell’Isola del Sud

Dal 5 al 24 novembre 2018

Nuova Zelanda: sarà perché è una delle mete più lontane da raggiungere, unita al fascino degli antipodi, sarà perché, volenti o nolenti, la saga cinematografica de “Il Signore degli Anelli” l’ha eletta a trasposizione nel mondo reale della “Terra di Mezzo” oppure perché è il paese degli All Blacks e dell’haka maori, ma ci basta pronunciare il nome per suscitare in noi un’aurea epica.

Un paese grande poco meno dell’Italia in cui vivono quattro milioni e mezzo di persone e trenta milioni di pecore, che accoglie solo tre milioni di turisti all’anno, è la terra degli uccelli che non sanno volare (ma non solo!) e dei grandi spazi, dei paesaggi senza fine, da vivere col giusto ritmo e la serenità tipica dei suoi abitanti.

Abbiamo scelto di concentrarci sull’Isola del Sud, la meno abitata (i due terzi della popolazione vivono sull’Isola del Nord), la più selvaggia, la più ricca di specie endemiche, dove si trovano le montagne più alte. Partendo da Christchurch compiremo un periplo dell’isola, seguendo come traccia la costa, per poi addentrarci nell’entroterra, ricco di laghi, ghiacciai e paesaggi alpini.

Spezzeremo il lungo volo fermandoci una notte a Singapore e dato che il volo arriva la mattina presto e riparte la sera tardi avremo quasi 2 giorni per visitarla.

Arrivati in Nuova Zelanda, dopo due giorni dedicati alla esplorazione di Christchurch e delle valli vicine ci dirigeremo prima verso nord, dalle Canterbury Planes alla regione vitivinicola di Marlborough, passando per la Kaikoura Peninsula, dove avremo il primo incontro con le otarie orsine della Nuova Zelanda, i Dusky Dolphins e gli Albatross.

Da qui ritorneremo verso sud percorrendo la selvaggia West Coast, in cui la foresta pluviale scende per le ripide colline direttamente sulle infinite spiagge, fino alla spettacolare regione del Fiordland, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, passando per la regione dei laghi di Wanaka e Queenstown.

Da qui faremo rotta in direzione della costa sud, nella regione dei Catlins, un’area ancora poco toccata dal turismo, ma meravigliosa per le sue foreste e pascoli affacciati direttamente sulle scogliere e le spiagge, sferzate dai venti e dalle onde dell’Oceano Pacifico, frequentate da leoni marini e dai rari pinguini degli antipodi. Dai Catlins il nostro viaggio proseguirà verso nord, passando per la fantastica Otago Peninsula, in cui potremo incontrare i Pinguini Blu, i più piccoli del mondo, e potremo ammirare, dalle scogliere, le evoluzioni aeree degli Albatross e di altre migliaia di uccelli marini.

Ultima tappa del nostro viaggio, prima di ritornare a Christchurch attraverso la Banks Peninsula, sarà la regione dei laghi Pukaki e Tekapo, alle pendici del Monte Cook, il cui colore turchese intenso, originato dall’acqua proveniente direttamente dai ghiacciai alpini, sarà impossibile da dimenticare, come gli incredibili cieli stellati di un’area riserva protetta dall’inquinamento luminoso.

Utilizzeremo un pulmino da 12 posti per un gruppo che sarà al massimo di 6 fotografi + il master. Su ogni pulmino saremo al massimo in 7, ci sarà quindi ampio spazio per noi e l’attrezzatura fotografica.

Sarà un viaggio on the road indimenticabile, seguiti e accompagnati da due master che già hanno sperimentato e studiato il percorso sul campo, il viaggio fotografico della vita: venti giorni e cinquemila chilometri che, come è già successo a noi, vi lasceranno qualcosa di positivo ed indelebile dentro, e una forte e pericolosa voglia di trasferirsi laggiù, agli antipodi!

Giorno 1 – 5 novembre 2018
Partenza dall’Italia

Giorno 2
Ore 7.35 – Arrivo volo a Singapore

Escursione di mezza giornata per la visita di Kampong Glam dove si potrà entrare a stretto contatto con la cultura malese, visita di Arab Street per vedere la splendida Moschea del Sultano.

Passeggiata lungo la zona pedonale per vedere i diversi negozi che vendono oggetti tradizionali, cibi etnici arabo-musulmano e mercanzie di tutti i tipi.

Dopo Kampong Glam si prosegue per Little India, il quartiere delle comunità indiana, di ci troveremo immersi in aromi, profumi speziati e circondati da colori vivaci.

Passeggiata attraverso le strade di Little India per sperimentare l’odore pungente di spezie e incensi.
Si prosegue per Chinatown, la nostra prossima destinazione etnica durante questo tour. Anche qui si potrà fare una passeggiata tra gli innumerevoli negozietti, condividere l’arte del tè cinese e fare shopping.

Si prosegue con una crociera lungo il fiume di Singapore a bordo di una caratteristica bumboat.

Lungo le rive del fiume ci sono ancora vecchie botteghe che ricordano ai visitatori l’umile inizio di questa moderna e sofisticata metropoli.
Si passa davanti ad alcuni degli edifici governativi che danno un tocco di eredità coloniale e davanti alle imponenti strutture moderne.
Si può vedere il famoso Singapore Merlion ancora oggi la guardia alla foce del fiume. Merlion, una metà leone, creatura metà pesce che simboleggia l’industria del turismo di Singapore.

14.00 Check-in in albergo e riposo.

18.00 Uscita per visitare Singapore di notte

Giorno 3
Il volo per la Nuova Zelanda parte alle 19.50, abbiamo tutto il giorno per proseguire la visita di Singapore.

Ore 19.50: Partenza del volo per Christchurch.

Giorno 4
Ore 10.40 Arrivo a Christchurch.

Ritiro del pulmino, acquisti e sistemazione in albergo.

Il resto della giornata è dedicato al riposo.

Giorno 5
Oggi inizieremo l’esplorazione degli antipodi: dalla costa ci sposteremo nell’entroterra e, attraverso le Canterbury Planes, ci dirigeremo nella regione alpina per raggiungere il mitico Arthur’s Pass, attraverso cui i coloni raggiungevano la West Coast per andare a cercare fortuna e oro.

Avremo un primo approccio coi vari paesaggi che questo paese può offrirci: gli sterminati pascoli puntellati dai milioni di pecore, le brughiere colorate di ginestre, le vallate coronate da montagne che sanno tanto di terra di mezzo, le vette alpine innevate che emergono da verdi foreste.

Trascorreremo la giornata on the road, in questi ambienti, pranzando al sacco lungo la strada e immergendoci il più possibile nello spirito del luogo, per poi rientrare in serata a Christchurch.

Giorno 6
Da Christchurch faremo rotta verso Nord: destinazione Kaikoura e la sua splendida penisola.
Nel viaggio di avvicinamento, che occuperà la mattinata, percorreremo un tratto di strada parallelo alla costa in cui vedremo le prime aziende vitivinicole, che caratterizzano il nord est dell’isola, e non ci faremo mancare la visita a baie e spiagge, dove potremo realizzare magnifici scatti.
Giunti a Kaikoura, pranzeremo nella graziosa cittadina costiera sita alle pendici di montagne alte oltre tremila metri.
Passeremo il pomeriggio ad esplorare la Kaikoura Peninsula dove potremo far conoscenza con le otarie orsine della Nuova Zelanda e con i numerosi uccelli marini che frequentano le scoscese scogliere, come le bellissime beccacce di mare.
In serata cena a Kaikoura: qui la specialità è l’aragosta!

Giorno 7
Da Kaikoura percorreremo la statale verso nord attraverso la regione vitivinicola di Marlborough per raggiungere Nelson attraverso i panoramici percorsi costieri del Queen Charlotte Sound.

Ci immergeremo nella natura e nei paesaggi da sogno. La sera passeggeremo tra le strade di Nelson: una delle più belle e vivaci cittadine dell’isola.

Giorno 8
Da Nelson ci dirigeremo verso la West Coast e la cittadina di Westport.

I magnifici Nelson Lakes e gli stupendi scenari di Cape Foulwind al tramonto saranno solo alcuni delle “prede” dei nostri scatti.

Giorno 9
Oggi percorreremo una delle strade più belle del mondo, direzione Sud verso la regione dei ghiacciai dove ripidi pendii ricoperti dalla foresta originaria di felci albero si tuffano nell’impetuoso Mar di Tasmania.

Attraverso la panoramica strada costiera che percorre la West Coast, dove ripidi pendii ricoperti dalla foresta originaria di felci albero si tuffano nell’impetuoso Mar di Tasmania, arriveremo a Fox Glacier e ci dirigeremo nel punto migliore per cogliere il tramonto su Lake Matheson.

Durante il tragitto non mancheranno le doverose soste alle Pancake Rocks e alla graziosa cittadina di Hokitika.

Giorno 10
Da Fox Glacier il nostro viaggio continuerà in direzione di Haast.

Attraverso una breve escursione nella foresta arriveremo sulle spiagge dove nidificano i rari pinguini crestati del Fiordland.

Dopo pranzo saluteremo la West Coast e ci addentreremo nell’entroterra, nell’area alpina, in direzione dell’Haast Pass.

Lungo la strada stupendi panorami e pittoresche cascate accompagneranno il nostro viaggio per prepararci a rimanere a bocca aperta quando raggiungeremo la regione dei laghi Hawea e Wanaka.

Su quest’ultimo ci concentreremo per portare a casa magnifici scatti al tramonto.

Giorno 11
Giornata di trasferimento in cui non ci faremo mancare niente.

Da Wanaka, attraverso la panoramica Cardrona Valley, arriveremo alla capitale mondiale degli sport estremi, la frenetica Queenstown.
Qui ci prenderemo un po’ di tempo libero per visitarla, pranzare e passeggiare lungo le sponde di Lake Wakatipu.

Nel primo pomeriggio ci trasferiremo a Te Anau, piccola cittadina affacciata sul lago omonimo, dove ci sistemeremo in albergo, e dove andremo a visitare un centro di recupero della fauna selvatica per avere il contatto diretto con alcune delle specie più rare della Nuova Zelanda.

Giorno 12
Si parte presto per raggiungere Manapouri: qui ci imbarcheremo per raggiungere il luogo più piovoso della Nuova Zelanda, la regione del Fiordland, patrimonio naturale dell’UNESCO, e, in particolare, il Doubtful Sound.

Preoccupati dalla pioggia? No. Perché sia col bello che col cattivo tempo questo luogo è semplicemente spettacolare, anzi, con la pioggia offre una rappresentazione reale della potenza della natura, con impetuose cascate che segnano gli scoscesi declivi dei fiordi.

Le acque interne del fiordo sono, inoltre, frequentate da balene, delfini, otarie e pinguini.

In questa zona potremo anche far conoscenza con i simpatici Kea, il pappagallo di montagna endemico della Nuova Zelanda.

Nel pomeriggio rientreremo a Te Anau.

Giorno 13
Partenza di buon ora in direzione Milford Sound: uno dei luoghi più fotografati dell’isola.
Arriveremo qui con la luce del mattino per fotografare la pittoresca imboccatura del fiordo su cui svetta la sagoma del Mitre Peak.
Sia all’andata che al ritorno da Te Anau non ci faremo mancare soste per scattare foto ai selvaggi scenari della Hollyford Valley.
Dopo la sessione mattutina al Milford Sound inizieremo il trasferimento sulla Scenic Route verso la costa sud, passando dagli scenari alpini alle paradisiache coste del Pacifico.
Dopo alcune soste per scattare da panoramici view point e in caratteristici villaggi giungeremo ad Invercargill, nostra base per la sera e per l’esplorazione dei Catlins.

Giorno 14
Giornata dedicata all’esplorazione dei Catlins, una delle regioni più belle, ricche di biodiversità, e ancora poco turistiche dell’intero paese.
Waipapa Point e la sua colonia di leoni marini, Slope Point, il punto più a Sud dell’Isola del Sud con le sue scogliere e gli alberi “scolpiti” dal vento saranno solo l’antipasto.

Dopo una sessione di scatti alle cascate Maclean, aspetteremo il tramonto a Curio Bay, dove cercheremo di avvistare e fotografare i rari pinguini degli antipodi di ritorno alla colonia dopo la giornata di pesca nell’oceano.

La sera ritorneremo ad Invercargill.

Giorno 15
Destinazione finale di oggi sarà Dunedin.
La raggiungeremo attraverso la Scenic Route che percorre tutta la regione dei Catlins: tappa obbligata saranno le cascate Papatowai e Matai.

ranzeremo al sacco nello scenario fantastico di Nuggets Point e del suo faro.

Giungeremo nel pomeriggio a Dunedin e, dopo esserci sistemati in albergo, ci recheremo nella magnifica Otago Peninsula dove attenderemo il ritorno dal mare dei rari e simpatici pinguini blu, i più piccoli del mondo.

Giorno 16
Dopo aver salutato Dunedin, ci dirigeremo verso Nord attraverso la panoramica strada costiera: ne esploreremo ogni tratto alla ricerca della fauna selvatica che abita la East Coast.

Nostra meta sarà la caratteristica cittadina di Oamaru e le sue costruzioni di bianca pietra in stile neoclassico.

Giorno 17
Partenza di buon ora per raggiungere la spiaggia di Moeraki con i suoi particolarissimi scogli rotondi: i Moeraki Boulders.
Proseguiremo poi verso l’interno e la regione dei grandi laghi per pranzare ai piedi del monumento nazionale neozelandese: il Monte Cook.
Nel pomeriggio ci recheremo a Lake Tekapo percorrendo anche le rive di Lake Pukaki.

La sera sessione notturna alla chiesa del Buon Pastore.

Giorno 18
Oggi chiudiamo il cerchio ritornando a Christchurch dove arriveremo nel primo pomeriggio dopo aver percorso le panoramiche strade della penisola di Banks.

Prima di sera avremo modo di visitare con calma il magnifico giardino botanico.

Giorno 19
Dopo colazione ci recheremo in aeroporto per il rientro in Italia.

Giorno 20 – 24 novembre
Arrivo a Malpensa alle 5.55 del mattino

Nuova Zelanda

dal 5 al 24 novembre 2018
da 5350€ Min 4 Max 6 partecipanti

La quota comprende:

Partecipazione al workshop con assistenza fotografica di un fotografo professionista italiano
Volo a/r da Milano a Christchurch via Singapore
Tasse aeroportuali (da riconfermare)
Noleggio auto con  benzina e chilometraggio illimitato
Pernottamenti in camera doppia
Ingresso ai parchi, crociere e visite guidate
Assicurazione annullamento viaggio
Assicurazione base medico bagaglio
Attestato di partecipazione
Ebook fotografico del viaggio

La quota non comprende:
Colazioni, pranzi e cene (costo stimato 30-40€ al giorno)
Bevande ed extra in genere
Tutto quanto non indicato a la quota comprende.

Per informazioni:

Carlo Pinasco
email: carlo@carlopinasco.com
Cell: +39 348 22 46 141
Tel: 0185 38 69 70

Vorrei più informazioni: contattatemi

La richiesta non è vincolante per la partecipazione, lascia i tuoi dati e ti contatteremo al più presto.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Ripeti la tua email (richiesto)

Il tuo telefono (utile per un contatto più veloce e personale

Il tuo messaggio (facoltativo)

I commenti di chi ha già fatto questo viaggio….

Nuova Zelanda - L'Isola del Sud - Novembre 2014 Ringrazio di cuore Carlo e Luca per il bellissimo viaggio, ben organizzato, in cui abbiamo toccato i luoghi più noti dell'isola, e anche luoghi meno noti ma ugualmente affascinanti. I consigli dispensati durante il viaggio da Carlo e Luca sicuramente sono stati preziosi per migliorare la mia tecnica fotografica. Consiglio questo viaggio a chiunque ami i paesaggi naturali intatti e gli uccelli marini, che sono i pezzi forti del viaggio!
Paolo Barbarini

Master

Carlo Pinasco

Scopri di più »